La Power Unit: l’ERS e le batterie

L’Energy Recovery Sistem, abbreviato in ERS, è il complesso sistema costituito da più elementi che converte l’energia cinetica e termica derivata dai due motogeneratori, convertendola in energia elettrica per fornire un surplus di potenza elettrica al motore V6 turbo della Power Unit.

 L’ERS è il sistema di recupero di energia della Power Unit che riunisce i due generatori, l’MGU-H, l’MGU-K (il “vecchio” KERS) e le batterie provvedendo a recuperare sia l’energia cinetica in eccesso dalle ruote motrici in fase di frenata della vettura, tramite l’MGU-K, sia l’energia termica in eccesso derivata dai gas di scarico alla girante della turbina del turbocompressore del motore V6, tramite l’MGU-H.
L’energia cinetica e termica recuperata dai due generatori viene immagazzinata in un pacco batterie comune che ha una capacità di 4 MJ equamente distribuita tra le i due motogeneratori di potenza elettrica.Le batterie che consentono l’accumulo e il prelievo dell’energia elettrica sono sistemi a ioni di litio con una massa complessiva di circa 20 kg.
Tali componenti vengono raffreddati con liquido a circa 100°C, temperature superiori causerebbero cali di efficienza di scambio e accumulo elettrico all’interno del sofisticato Energy Store; anche questo tipo di batterie, così come quelle tradizionali, lavorano a corrente continua.
Anche la centralina elettronica incaricata della gestione elettronica di tutto il complesso sistema è comune tra i due motogeneratori ed ha il compito di governare il funzionamento di entrambi i sistemi.
L’ERS, oltre a essere un sofisticato sistema di recupero di energia cinetica e di conversione della stessa in elettrica, riesce a fornire al motore endotermico V6 turbo un surplus di potenza elettrica, tramite la centralina unica secondo mappature motore pre-definite, pari a 120 kW (164 CV) per ben 33,3 secondi al giro.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì