Buongiorno Rosso a Suzuka

[GP Giappone 2017 | Analisi delle prove libere] Sebastian Vettel ha chiuso in testa la giornata di prove libere precedendo il rivale Lewis Hamilton su Mercedes e la Red Bull di Daniel Ricciardo; alle loro spalle i rispettivi team mate Raikkonen, Bottas e Verstappen. Riscontri positivi anche per Force India e Renault con Ocon e Hulkenberg in settima e ottava posizione; incidente al mattino, senza conseguenze, per Carlos Sainz in uscita dal tornante Hairpin. I riferimenti cronometrici sono della prima sessione, in quanto la seconda è stata condizionata da un violento nubifragio e quasi tutti i piloti sono rimasti ai box.

Nel venerdì dalle tante incognite, dovute alle condizioni meteo davvero al limite con la seconda sessione di libere che praticamente ha costretto a tenere nei garage delle squadre le proprie monoposto per un diluvio che ha reso impraticabile la pista, è stata la Ferrari a ottenere il miglior tempo di giornata.
Sebastian Vettel ha fatto segnare il miglior crono in 1:29.166, tempo molto vicino al record del circuito, nella prima sessione di prove libere disputatasi su pista asciutta. Alle spalle del ferrarista troviamo la Mercedes del rivale Lewis Hamilton, leader del campionato con 34 punti di vantaggio sul tedesco, staccata di poco più di due decimi; il britannico ha ottenuto il miglior tempo nella seconda sessione, sul bagnato, ma in questo caso i tempi sono poco attendibili in quanto solo altri 4-5 piloti hanno fatto segnare un tempo cronometrato.
Le Red Bull hanno chiuso la giornata in terza e sesta posizione, rispettivamente con Daniel Ricciardo e Max Verstappen: l’australiano, però, si è lamentato del fatto che la macchina è molto veloce nel primo e secondo settore per il tanto carico aerodinamico che riesce a generare, ma perde nel terzo settore a causa di una mancanza di potenza della PU Renault rispetto a quelle di Mercedes e Ferrari. A sandwich tra le due Red Bull troviamo i finlandesi Raikkonen (quarto) e Bottas (quinto), staccati di 4 e 7 decimi dai rispettivi compagni di squadra.
Ma per l’alfiere della Mercedes, piove sul bagnato: dopo due weekend sottotono, a Singapore semplicemente non andava e in Malesia ha avuto problemi con la W08 aggiornata, questo weekend inizia con la penalità di 5 posizioni in griglia di partenza per la sostituzione della scatola del cambio. Non solo, nella simulazione della passo gara con gomme SuperSoft è stato il peggiore dei top driver con questo tipo di mescola e per lui si preannuncia un weekend tutto in salita.
Per quanto riguarda le altre scuderie, arrivano, da queste prove libere del venerdì, notizie molto positive per la Force India, la Renault e la Haas: Esteban Ocon ha concluso la sessione in settima posizione, precedendo Nico Hulkenberg e Romain Grosjean, e sono racchiusi nello spazio di 133 millesimi; chiude la top ten la McLaren Honda di Stoffel Vandoorne.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì