Le pagelle del Gran Premio di Abu Dhabi 2017

#StartYourEngines dà i voti ai protagonisti del Gran Premio di Abu Dhabi, 20° ed ultimo appuntamento stagionale, vinto da Valtteri Bottas su Mercedes davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton e alla Ferrari di Sebastian Vettel. 

 

Valtteri BOTTAS – 10: Weekend semplicemente superlativo, domina sia in qualifica sia in gara ottenendo anche, per la prima volta in carriera, l’hat-trick; un’ottima stagione per il finlandese che deve ripartire nel 2018 con la stessa cattiveria vista ad Abu Dhabi.
Nico HULKENBERG – 10: Magico, è autore di una qualifica eccellente dove ottiene la settima posizione che in gara, grazie anche al ritiro di Ricciardo, diventa sesta e così riesce a portare a casa i punti necessari al team per sopravanzare la Toro Rosso nella battaglia alla sesta posizione.
Sergio PEREZ – 8,5: Grande gara del messicano della Force India che, grazie all’ottimo settimo posto ottenuto negli Emirati Arabi Uniti, porta a casa 6 punti che gli consentono di raggiungere quota 100 punti in classifica piloti per il secondo anno consecutivo.
Felipe MASSA – 8: Compie una magia nell’ultima qualifica della carriera riuscendo a portare la Williams, guardate Stroll dov’è finito, in Q3 dove si qualifica in 10a posizione, posizione che conferma poi in gara. 
Fernando ALONSO – 8: Terza gara consecutiva punti, finale di stagione davvero ottimo per lo spagnolo considerando la vettura che guida…ma per fortuna questa è stata l’ultima volta con la Honda. Ed è proprio questa la notizia migliore.
Lewis HAMILTON – 8: Una buona gara per Lewis che termina in seconda posizione una stagione davvero straordinaria per lui, ma per questa volta Bottas ne aveva di più sia in gara sia in qualifica.
Sebastian VETTEL – 8: Ottiene il massimo risultato possibile con questa Ferrari ad Abu Dhabi e soprattutto contro delle Mercedes stellari.
Esteban OCON – 7,5: Conclude per la 18a volta su 20 gare in zona punti, dimenticando in fretta il ritiro di Interlagos; è sicuramente stato il pilota rivelazione della stagione e se il prossimo anno la Force India si terrà sui livelli degli ultimi anni, potrà regalarci qualche sorpresa.
Daniel RICCIARDO – 7,5: Molto veloce per tutto il fine settimana ed agevolmente sempre davanti a Verstappen, è autore di un giro magico in qualifica ed una buona gara fino a quando la sua RB13 lo tradisce pochi giri dopo il pit stop.
Pascal WEHRLEIN – 7: Disputa una delle migliori gare della stagione con una Sauber che tutto è tranne che una monoposto competitiva…il paradosso è che questa molto probabilmente è stata (incredibilmente) la sua ultima gara in Formula 1.
Max VERSTAPPEN – 6,5: Weekend sottotono per l’alfiere della Red Bull, Ricciardo è stato più veloce per tutto il corso del fine settimana ma, soprattutto, in gara l’olandese non è mai incisivo.
Kimi RAIKKONEN – 6,5: Un fine settimana sicuramente non da ricordare per il finlandese che, però, grazie al ritiro di Ricciardo riesce a concludere in quarta posizione la gara ed anche nel mondiale scavalcando proprio l’australiano della Red Bull.
Romain GROSJEAN – 6: Rimedia parzialmente la clamorosa eliminazione nella Q1 con una buona gara conclusa in 11a posizione ad un passo della top-ten.
Carlos SAINZ – 5,5: L’errore della squadra al pit stop, anteriore sinistra non fissata, gli preclude la possibilità di ottenere un piazzamento in zona punti; Hulkenberg però ben più avanti di lui.
Brendon HARTLEY – 5,5: Viene pesantemente battuto in qualifica da Gasly, ma in gara si rifà e sfruttando l’errore del compagno di squadra termina la gara davanti a lui.
Pierre GASLY – 5,5: Disputa un ottima qualifica visto lo scarso potenziale di questa Toro Rosso, peccato per il banale testacoda che lo fa precipitare in fondo al gruppo mettendo di fatto la parola fine alla sua gara.
Stoffel VANDOORNE – 5: Weekend sottotono del belga della McLaren Honda che viene surclassato dal team mate Alonso sia in qualifica sia in gara.
Marcus ERICSSON – 5: Per il secondo anno fila conclude la stagione a zero punti, e per il secondo anno di fila è lui a mantenere il posto e non il compagno di box che porta punti da solo…
Kevin MAGNUSSEN – 4,5: L’errore da dilettante, con conseguente testacoda, in curva 3 subito dopo la partenza lo fa precipitare in ultima posizione; da lì in poi la gara diventa un calvario.
Lance STROLL – 3: Qualifica disastrosa, gara anche peggio…una sola parola: inqualificabile.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì