GP Bahrain 2018: informazioni circuito, infografiche, orari sessioni e TV, meteo

Dopo la vittoria di Vettel nelle gara inaugurale in Australia, il Circus della Formula 1 sbarca in Bahrain per il secondo appuntamento stagionale.
Inaugurato nel 2004, a partire dalla stagione 2014 la corsa si disputa in notturna: scopriamo assieme le caratteristiche del tracciato e il programma del weekend.

 

 

-DATI GENERALI:
– Nome: Baharain International Circuit
– Lunghezza: 5412 m
– Curve: 15 (9 a destra, 6 a sinistra)
– Inaugurazione: 2004
– Giro più veloce: 1’31″447 | P. De La Rosa | McLaren MP4-20 | 2005
– Pilota più vincente: F. Alonso – S. Vettel |3
– Scuderia più vincente: Ferrari | 5: ’04- ’07- ’08- ’10- ’17
– Pole-position 2017: Valtteri Bottas | Mercedes AMG | 1:22.188
– Podio 2017: 1°VET |2°HAM |3° BOT
– Categorie: F1, F2, WEC
– Numero di giri: 57
– Distanza di gara: 308.238 Km

– IL TRACCIATO:
Un giro di pista al Bahrain International Circuit, che ha ha fatto il proprio esordio nel 2004 e dal 2014 si corre in notturna, è lungo 5,412 km, con i piloti che, al termine delle 57 tornate previste per il Gran Premio di domenica, avranno coperto una distanza complessiva di 308,238 km.
Il tracciato di prevede 15 curve delle quali 9 a destra e 6 a sinistra, i 4 lunghi rettilinei, da oltre 300 km/h l’uno, ed le conseguenti forti frenate mettono a dura prova le Power Unit: la farfalla dell’acceleratore rimane aperta per ben il 64% del giro, con punte di velocità massima previste intorno ai 335 km/h, con un consumo medio di carburante di circa 1,75 kg a tornata.
Così come nella gara inaugurale all’Albert Park, anche a Sakhir giocano un ruolo di fondamentale importanza i freni: la pista presenta uno dei punti dei frenata più importanti di tutto il mondiale, la curva 1 dove si passa da circa 325 km/h a 80 km/h nello spazio di 61 metri con una potenza frenante pari a 1974 Kw ed una pressione sul pedale del freno pari a 118 Kg.
I piloti usano i freni per poco meno di 14 secondi al giro, cioè per il 16 per cento della distanza di gara. 
Secondo i tecnici Brembo il Bahrain International Circuit rientra nella categoria dei circuiti altamente impegnativi per il sistema frenante, classificato come “Hard” con un indice di difficoltà pari a 9 in una scala da 1 a 10, inferiore solo ai tracciati Montreal, Città del Messico, Abu Dhabi e Singapore.
Oltre alle Power Unit, anche il cambio è molto sollecito, con in media 60 cambi di marcia a giro; quindi la gara del Bahrain rappresenta un banco di prova molto severo per la meccanica delle monoposto.
La decelerazione media del tracciato è di 4,6 G, mentre la più alta forza G la si subisce durante la frenata di curva 1, con 5,1 G nella staccata dopo il rettilineo del traguardo.
Sono due le zone DRS: la prima si trova sul rettilineo parallelo a quello dei box, che va da curva 10 a curva 11, mentre la seconda si trova sul rettilineo del traguardo; i Detection Point sono anch’essi due, il primo è siti poco prima di curva 10, il secondo poco prima di curva 14.

– Qui in basso ecco l’infografica generale della Pirelli:

– MESCOLE PIRELLI:
–  PZero Yellow Medium (M)
  PZero Red Soft (S)
  PZero Purple SUPERSoft (SS)
–  Green Cinturato Intermedie
–  Blu Cinturato Full-Wet.

  • Pressioni minime alla partenza (gomme slick):
    21,0 psi
     (anteriore) | 19, psi (posteriore).
  • Camber massimo:
    -3,75° (anteriore) | -2,00° (posteriore).
  • Infografica Pirelli set scelti da ogni pilota:

– ORARI IN ITALIA E DATE SESSIONI:
Prove Libere 1:
– 06/04/18 | Ore 13:00
– LIVE Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it 
– Sereno.

Prove Libere 2:

– 06/04/18 | Ore 17:00
– LIVE Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it
– Sereno.

Prove Libere 3:

– 07/04/18 |Ore 15:00
– LIVE Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it
– Sereno.

Qualifiche:
– 07/04/18 | Ore 17:00
– LIVE Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it
– Sereno.
(Differita su TV8 alle ore 22:55)

Gara:
– 08/04/18 | Ore 17:10
– LIVE Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it
– Sereno.
(Differita su TV8 alle ore 21:30)

#StartYourEngines | Dennis Ciracì