F1 | GP Spagna 2018: le pagelle dei piloti

Le pagelle ai protagonisti del Gran Premio di Spagna: Hamilton irraggiungibile, capolavoro di Magnussen, bene anche Bottas, Sainz, Alonso e Leclerc. In ombra Ricciardo, disastro di Grosjean.

Lewis HAMILTON | 10: Domina tutto il weekend, ottiene il secondo successo consecutivo e ad allunga in classifica mondiale. It’s Hammer Time.
Kevin MAGNUSSEN | 10: Settimo in qualifica, sesto in gara. Non sbaglia nulla e sfrutta al massimo il potenziale della VF-18; il danese vola!
Valtteri BOTTAS | 9: Manca la pole position per un soffio, al via si fa beffare da Vettel ma grazie al secondo pit stop del tedesco va a prendersi il secondo posto, il terzo del 2018. La vittoria è solo questione di tempo e lui a Monaco va forte…
Carlos SAINZ | 9: Dopo un avvio stentato lo spagnolo sta tornando sui suoi livelli e si vede: settimo posto e 19 punti nel mondiale.
Charles LECLERC | 9: Il sesto posto di Baku non era un caso isolato come molti pensavano, ma semplicemente il primo tassello di un puzzle che si preannuncia ricco di soddisfazioni per il monegasco dell’Alfa Romeo Sauber.
Fernando ALONSO | 9: Si conferma come il primo inseguitore dei piloti dei tre top team rafforzando il settimo posto nel mondiale piloti grazie all’ottavo posto nella gara di casa. Meraviglioso il sorpasso all’esterno di curva 3 ai danni di Ocon.
Sergio PEREZ | 8: Delude in qualifica, ma si rifà in gara col nono posto che con questa Force India è un gran risultato.
Max VERSTAPPEN | 8: Questa volta è autore di un ottima gara e vince il confronto interno col compagno di squadra Ricciardo. Ma anche questa volta stava per mandare tutto all’aria tamponando Stroll in regime di VSC…gli è andata bene che l’alettone anteriore non abbia ceduto.
Sebastian VETTEL | 8: Brillante al via quando va a prendersi la seconda posizione ai danni di Bottas, posizione che mantiene fino alla VSC perchè poi è costretto ad un secondo pit stop a causa dell’eccessiva usura delle gomme e conclude solamente quarto.
Kimi RAIKKONEN | 6: Weekend non al livello dei precedenti ma comunque la sfortuna lo ha colpito nuovamente: motore rotto e ritiro.
Esteban OCON | 6: Buona la qualifica, in gara è costretto al secondo ritiro consecutivo per un problema al cambio.
Lance STROLL | 6: A muro in qualifica si riscatta in gara dove sfiora la zona punti, terminando in undicesima posizione con una Williams che proprio non va.
Daniel RICCIARDO | 5,5: Un passaggio a vuoto può capitare a tutti, l’importante è riscattarsi e lui a Montecarlo può lottare per la vittoria; brutto il testacoda in regime di VSC.
Brendon HARTLEY | 5: Weekend anonimo per il due volte Campione del Mondo WEC.
Marcus ERICSSON | 5: Leclerc sta cominciando a batterlo regolarmente, serve una reazione già a partire da Monaco.
Sergey SIRTOKIN | 4: Chiude ultimo tra i classificati soffrendo parecchio la non guidabilità della sua Williams al Montmelò, il testacoda in regime di VSC è l’esempio lampante.
Stoffel VANDOORNE | 4: Sarà stato sfortunato col ritiro, ma fino a quand’era in gara Alonso era nettamente davanti a lui e in qualifica ha accusato un divario pesante.
Romain GROSJEAN | 1: Manovra da criminale, sembra di rivedere la versione 2012 di Romain e come quel 2012 meriterebbe un gran premio di squalifica dopo aver tentato far male a qualche suo collega.
Nico HULKENBERG | S.V: Troppa sfortuna in un solo weekend.
Pierre GASLY | S.V: Grosjean semina il panico in pista e lui ne fa le spese. Altra gara da dimenticare per il francese.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì