Vettel stratosferico, eccezionali Bottas e Verstappen.

[GP Canada 2018 | Analisi delle qualifiche] Sebastian Vettel ottiene la pole position numero 54 della carriera davanti a degli strepitosi Valtteri Bottas e Max Verstappen. Non bene Hamilton, quarto, attardati Raikkonen e Ricciardo; bene le Renault e le Force India.

Sebastian Vettel ottiene la pole position del Gran Premio del Canada 2018 con un giro d’antologia, un “Sebastian Vettel lap” come lo definii il suo ingegnere di pista Riccardo Adami quando la passata stagione ottene la 50a pole position della carriera in Messico.
Il tedesco firma la quarta pole della stagione, dopo le tre consecutive di Sakhir, Shanghai, Baku, la 54a della carriera e la 4a qui al Circuit Gilles Villeneuve dopo il filotto di tre pole position consecutive dal 2011 al 2013.
Il tedesco non otteneva 4 partenze dalla prima posizione dal 2013, la Ferrari addirittura da 10 anni e l’ultima pole position del Cavallino in Canada era datata, pensate, 2001 quando alla guida vi era Michael Schumacher.
Il ferrarista ha espresso così tutta la sua felicità nel post qualifiche: “Ieri eravamo un po’ nei guai. Non eravamo contenti della macchina, abbiamo avuto qualche problema e non riuscivo a trovare il ritmo. Di solito questa pista mi piace, ma ieri è stato davvero difficile. Oggi ho acceso l’interruttore e mi sono svegliato nel modo giusto. Che giornata! La macchina è stata incredibile, all’ultimo giro ho fatto un piccolo errore, altrimenti credo che avrei potuto fare anche qualcosa in più. Fantastico, grazie al team, grazie per aver sistemato la macchina ieri, dopo aver sfiorato il muro. Sono molto contento anche per questo pubblico fantastico, tanti fan Ferrari”.

Ma se la pole di Vettel è stata stratosferica, non da meno è stato il giro di Valtteri Bottas, anzi.
Il finnico della Mercedes ha fatto segnare un mostruoso 1:10.857, crono di soli 93 millesimi più alto della Rossa numero 5, che gli è valso un’ottima prima fila in vista per la gara di domani, ma che ancora una volta non è stato sufficiente per agguantare la prima pole position del 2018, dopo che già in Spagna era stato beffato per soli 40 millesimi dal compagno di squadra Lewis Hamilton.
Proprio il campione del mondo in carica, nonchè leader del mondiale, è stato protagonista della sua peggior qualifica di sempre in Canada, quarto posto come nel 2011 quando era ancora alla guida della McLaren, il che può sembrare assurdo, ma per lui che è il mago di Montreal (6 pole e 6 vittorie) questo è un risultato deludente.

A sandwich tra le due Mercedes vi è Max Verstappen: l’olandese della Red Bull ha tirato fuori un giro capolavoro, mostrando finalmente tutto il suo talento e la sua velocità, e per la gara di domani sarà un cliente molto pericoloso per i due in prima fila dato che partirà con la HyperSoft e avrà una maggiore trazione ed aderenza in partenza e nelle prime curve (vedasi la sua partenza qui nel 2017).
Attardati Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo, appaiati in terza fila rispettivamente in quinta e sesta posizione: il finlandese era terzo dopo il primo tentativo ma ha sbagliato il secondo e decisivo giro, mentre l’australiano della Red Bull era sugli stessi tempi al millesimo con Verstappen  prima di perdere tutto nel terzo settore. Molto probabilmente l’MGU-K riparato dopo il danno elettrico di Monaco non esprime tutti gli 82 cavalli di potenza ed ecco spiegato il motivo dei tempi di Ricciardo nel terzo settore.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì