F1 | GP Singapore 2018: le pagelle ai piloti

Le pagelle ai protagonisti del Gran Premio di Singapore 2018.

  • Lewis HAMILTON | 10: Inventa un giro d’antologia il sabato con il quale annienta gli avversari, la domenica amministra e soprattutto rifila ben 40 (!) secondi al rivale Vettel, terzo. Quaranta, come i punti di vantaggio sul rivale al titolo.
  • Fernando ALONSO | 9: Sfiora la Q3 ma in gara sfoggia, per l’ennesima volta, tutte le sue immense qualità centrando il settimo posto, ottimizzando l’ottima strategia della McLaren
  • Max VERSTAPPEN | 9: L’unico a tenere il ritmo della Mercedes di Hamilton, è autore di un weekend eccezionale che gli vale il sesto podio stagionale.
  • Carlos SAINZ | 8: Secondo ottavo posto consecutivo dopo quello di Monza, lo spagnolo della Renault è tornato ad essere consistente come nella prima parte della stagione.
  • Charles LECLERC | 8: Torna a punti dopo 6 gran premi caratterizzati da sfortune, incidenti e qualche errore sul bagnato.
  • Sebastian VETTEL | 7: Weekend terribile da un punto di vista sportivo, dato che alla vigilia la Ferrari veniva data come favorita e la Mercedes in difficoltà. Ed invece si è verificato lo scenario opposto, con il tedesco che ha accusato un distacco di 6 decimi in qualifica e 40 secondi in gara, il mondiale si allontana sempre di più. Un podio amarissimo.
  • Nico HULKENBERG | 6: Racimola un punto iridato che gli consente di essere ancora il primo degli altri nel Mondiale Piloti, ma Sainz lo batte nuovamente e Alonso è soli 3 punti in classifica.
  • Kimi RAIKKONEN | 6: Weekend anonimo per il finlandese della Ferrari, si qualifica quinto e termina quinto alle spalle del connazionale della Mercedes Bottas.
  • Valtteri BOTTAS | 6: Subisce, come a Monza, lo strapotere di Hamilton che è di un altro livello ma comunque il suo lo fa dato che si interpone tra le Ferrari portando punti preziosi alla Mercedes per il Campionato Costruttori.
  • Daniel RICCIARDO | 6: In qualifica non dispone della mappatura da qualifica, a differenza del compagno di squadra Verstappen, che lo relega solamente in sesta posizione, la stessa al traguardo
  • Marcus ERICSSON | 5: Battuto sia in qualifica sia in dal compagno Charles Leclerc, sfiora comunque un punto iridato.
  • Sergey SIROTKIN | 5: L’unico momento in cui si fa notare è per la battaglia con Grosjean nella quale hanno movimentato una gara noiosa nonostante dovessero essere doppiati da Hamilton e Verstappen.
  • Pierre GASLY | 5: Weekend incolore, complice una Toro Rosso non a suo agio tra i muretti di Singapore.
  • Kevin MAGNUSSEN | 5: Altro weekend da dimenticare per il danese della Haas, questa volta già escluso nel Q1 e anonimo in gara.
  • Stoffel VANDOORNE | 4: Ormai è sfiduciato al massimo, un calvario senza fine.
  • Brendon HARTLEY | 4: Costantemente dietro a Gasly sia in qualifica sia in gara, sembra al capolinea della sua carriera in Formula Uno.
  • Romain GROSJEAN | 4: Stesso discorso fatto per Sirotkin, l’aggravante è che ha continuato ad attaccare il russo nonostante le ripetute bandiere blu.
  • Sergio PEREZ | 3: Una delle peggiori gare della sua carriera, prima manda a muro il compagno di squadra della Force India Ocon poi s’innervosisce alle spalle di Sirotkin e nel corpo a corpo gli dà una ruotata, un bruttissimo fallo di reazione.
  • Esteban OCON | S.V: Perez lo manda a muro senza troppi complimenti e la sua gara termina dopo 200 metri.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì