F1 | GP Giappone 2018: informazioni circuito, infografiche, orari sessioni e TV, meteo

Dopo la trasferta in terra russa, il Circus della Formula 1 fa tappa nel Sol Levante, sul circuito di Suzuka, uno dei circuiti più spettacolari al mondo; scopriamo le caratteristiche del tracciato nipponico ed il programma del weekend di gara. 

  • DATI GENERALI:
    Nome: Suzuka International Racing Course
    Lunghezza: 5807 m
    Curve: 18
    Inaugurazione: 1987
    Giro più veloce: 1:31.540 | K.Raikkonen | McLaren MP4/20 – 2004
    Pilota più vincente: M.Schumacher | 5
    Scuderia più vincente: McLaren | 11
    Pole position 2017: 1:27.319 | L.Hamilton | Mercedes W08 – 2017
    Podio 2017: 1° HAM | 2° VER |3° RIC
    Categorie: F1, SuperFormula
    Numero di giri: 53
    Distanza di gara: 307,471 km.

 

  • IL TRACCIATO:
    Inaugurato nel calendario della Formula 1 a partire dalla stagione 1987, ed è il sesto  tracciato più lungo di tutto il Mondiale di Formula Uno, dopo quelli di Spa Francorchamps, Baku, Silverstone, Monza e Sochi.
    La caratteristica che rende unico il tracciato di Suzuka è il layout: infatti il suo disegno è a forma di “otto”, con il circuito che in uscita di curva 8 passa sotto la curva 130R.
    Il carico aerodinamico richiesto è molto alto, in quanto il tracciato è ricco di curve veloci soprattutto nel primo settore, caratterizzato dallo “snake” di curve veloce in successione che portano alla doppia curva Degner.
    Si vedranno di conseguenza alettoni con una sezione molto ampia in modo da ottenere il massimo grip aerodinamico per avere la massima stabilità nei rapidi cambi di direzione.
    Circa il 65% del giro lo si percorre con la farfalla completamente spalancata, con un consumo medio di carburante di circa 1,80 Kg/giro; i cambi di marcia previsti sono 45 per ogni tornata, per un totale di circa 2385 cambiate nell’arco della gara.
    L’impianto frenante è poco sollecitato, data la conformazione del circuito,  e sono solo 2 i punti di staccata “pesante”, quelli di curva 9 e l’ultima chicane prima del traguardo.
    La Brembo classifica il tracciato di Suzuka come “Very Easy”, al pari dei circuiti di Silverstone e Interlagos, con un indice di difficoltà pari a 4 su una scala di 10; la decelerazione media è di 3,3 G.
    La zona di utilizzo del DRS è soltanto una ed è posta su tutto il rettilineo del traguardo; il detection point è posto tra curva 17 e 18.
    Il primo settore della storica e mitica pista nipponica, è una delle sezioni più belle dei circuiti mondiali, con curve veloci in sequenza da destra sinistra che ricordano le curve Maggots, Becketts e Chapel di Silverstone.
    Dopo il rettilineo del traguardo si arriva alla Curva 1, una destra da affrontare in 8a marcia a 320 Km/h nella quale bisogna pelare l’acceleratore prima di frenare per la Curva 2, sempre verso destra da effettuare in 4a marcia a 170 Km/h, la cui uscita è di fondamentale importanza per impostare al meglio tutta la successiva sequenza di curve veloci sinistra-destra.
    Il breve allungo successivo porta alla Curva 3, sinistra in 6a marcia a 254 Km/h, poi la Curva 4, destra in 6a marcia a 218 Km/h, poi la Curva 5, sinistra in 6a marcia a 217 Km/h, successivamente si scala in quinta per la Curva 6 verso destra da fare a 190 Km/h per poi andare verso sinistra per la Curva 7, nella quale si pela leggermente il gas e si affronta in 6a marcia a 237 Kmh.
    Il secondo settore è caratterizzato da curvilinei e curvoni veloci: dopo la Curva 7 in salita, vi è il curvilineo Dunlop che porta alla doppia destra delle curve Degner, la prima è da effettuare in 6a marcia a 249 Km/h, la seconda in 4a marcia a 148 Km/h.
    La seconda Degner rappresenta una delle frenate più impegnative di tutta la pista: si passa da 257 Km/h a 153 Km/h nello spazio di circa 80 metri e in soli 1,46 secondi.
    Dopo la seconda Degner si va in salita verso il tornantino Hairpin, molto difficile trovare il punto di corda nonostante si affronti in 3a marcia a soli 80 Km/h, dove è di vitale importanza avere un ottima trazione in uscita per affrontare in pieno la 200R, un curvilineo verso destra da fare in 6a marcia a 248 Km/h.
    Il curvilineo successivo alla 200R porta alle spettacolari Spoon Curva, due curvoni in appoggio verso sinistra, con la prima che è caratterizzata da un ingresso molto deciso dove si passa da 308 Km/h a 225 Km/h nello spazio di circa 50 metri in soli 1,08 secondi, mentre la seconda ha un ampio raggio e si affronta in 4a marcia a 162 Km/h.
    Il rettilineo successivo alle Spoon Curve ci porta verso il terzo settore: l’ultima sezione del tracciato inizia con la mitica 130R, la curva più veloce di tutto il mondiale da affrontare in pieno verso sinistra in 8a marcia a 312 Km/h, che fu teatro dell’epico sorpasso all’esterno di Fernando Alonso ai danni di Michael Schumacher nel 2005.
    La successiva staccata della chicane Casio Triangle (curve 16-17) rappresenta il punto di frenata più impegnativo della pista del Sol Levante: si scalano cinque marce, dall’ottava alla terza, passando da 316 Km/h a solamente 98 Km/h nello spazio di circa 110 metri in 2,72 secondi.
    L’uscita dalla Casio Triangle, chicane resa celebre nel 1989 per il contatto tra le McLaren di Ayrton Senna ed Alain Prost, porta alla Last Curve che porta sul rettilineo del traguardo, unica DRS zone del Suzuka International Racing Course:.

– Qui in basso l’infografica generale della Pirelli relativa al Suzuka International Racing Course:

– MESCOLE PIRELLI:
–  PZero White Medium (M)
  PZero Yellow Soft (S)
  PZero Red SUPERSoft (SS)
–  Green Cinturato Intermedie
–  Blu Cinturato Full-Wet.

  • Pressioni minime alla partenza (gomme slick):
    23,0 psi
     (anteriore) | 21,0 psi (posteriore).
  • Camber massimo:
    – 3,00° (anteriore) | – 1,75° (posteriore).
  • Infografica Pirelli set scelti da ogni pilota per il Gran Premio del Giappone:– ORARI IN ITALIA E DATE SESSIONI:
    Prove Libere 1:
    – Data: 05/10/18
    – Orario: 03:00 – 04:30
    – Diretta: Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it  
    – Meteo: Pioggia.

Prove Libere 2:
– Data: 28/09/18
– Orario: 07:00 – 08:30
– Diretta: Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it 
– Meteo: Pioggia.

Prove Libere 3:

– Data: 06/10/18
Orario: 05:00 – 06:00
– Diretta: Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it
– Meteo: Pioggia.

Qualifiche:
– Data: 06/10/18
Orario: 08:00 – 09:00
– Diretta:  Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it 
– Meteo: Pioggia.
*Differita TV8 ore 20:00

Gara:
– Data: 07/10/18
Orario: 07:10
– Diretta:  Sky Sport F1 HD | #StartYourEngines.it 
– Meteo: Sereno.
*Differita TV8 ore 21:15

#StartYourEngines | Dennis Ciracì