F1 | GP Gran Bretagna 2019: la guida curva per curva del Silverstone Circuit

Il Silverstone Circuit è uno tracciati più belli al mondo. Ricco di curve veloci in appoggio e lunghi tratti da percorrere full throttle, rappresenta una sfida unica sia per i piloti sia per le monoposto. Scopriamone le caratteristiche curva per curva.

SETTORE 1:

Dalla linea di partenza alla prima curva ci sono circa 150 metri di distanza. La Abbey (curva 1) è una destra veloce da percorrere in pieno in ottava marcia a 304 km/h.
Il cambio di direzione successivo verso sinistra alla Abbey, porta alla Farm Curve (curva 2): anch’essa la si affronta in pieno in ottava velocità a 312 km/h.
Successivamente alle prime due curve vi è la frenata più impegnativa del tracciato britannico, la Village (curva 3 verso destra). Le monoposto decelerano da 319 km/h a 123 km/h in 2,44 secondi nello spazio di 133 metri con una pressione sul pedale del freno di 152 Kg e una decelerazione di 4.8G.
Dopo la Village vi è il cambio di direzione verso sinistra della The Loop (curva 4), la si affronta in terza marcia a 97 km/h.
L’accelerazione seguente alla The Loop porta alla Aintree (curva 5), una sinistra che si fa in sesta velocità a 255 km/h e che immette sul Wellington Straight, al termine del quale inizia il secondo settore.

SETTORE 2:

Il settore centrale della pista inglese è quello più tecnico e guidato.
La frenata della Brooklands (curva 6 verso sinistra) è una delle più esigenti per l’impianto frenante. Si passa da 329 km/h a 166 km/h in 2,42 secondi con una decelerazione di 4G.
La Brooklands la si percorre in quarta marcia a 166 km/h per poi affrontare verso destra la Luffield (curva 7). Quest’ultima è una curva caratterizzata dall’ampio raggio di percorrenza, la si fa in terza marcia a 108 km/h.
In uscita dalla Luffield si va verso destra per la Woodcote (curva 8) da percorrere in accelerazione in settima marcia a 287 km/h.
L’allungo seguente alla Woodcote porta alla Coopse (curva 9), una destra molto veloce da fare full throttle in ottava velocità a 304 km/h.
Dopo la Coopse inizia la sequenza sinistra, destra, sinistra, destra e sinistra delle curve 10 (8a, 312 km/h), Maggotts (8a, 303 km/h), 12 (7a, 266 km/h), Beckettes (6a, 237 km/h) e Chapel Curve (7a, 254 km/h). Da qui in avanti comincia il terzo settore.

SETTORE 3:

L’uscita dalla Chaperl Curve immette sull’Hangar Straight, al fondo del quale vi è la Stowe (curva 15): una destra da affrontare in sesta marcia a 247 km/h.
L’uscita da quest’ultima porta alla frenata della chicane Vale (curve 16-17): i piloti passano da 295 km/h a 105 km/h in 2,35 secondi nello spazio di 112 metri con una pressione sul pedale del freno di 152 kg.
In trazione dalla chicane Vale si va verso l’ultima curva, la Club, che introduce sul rettilineo del traguardo/partenza.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì