F1 | GP Ungheria 2019: pagelle ai piloti

Le pagelle ai protagonisti del Gran Premio d’Ungheria 2019 che si è disputato all’Hungaroring, sede della dodicesima tappa iridata del Mondiale 2019.

Lewis HAMILTON | 10: Il Campione del Mondo in carica è stato autore della sua più bella vittoria del 2019, ottenuta con ultimi venti giri da qualifica mettendo un’ipoteca sul sesto titolo.

Max VERSTAPPEN | 10: Ha ottenuto la prima pole position in carriera, ha condotto in modo autorevole la corsa ma nulla ha potuto contro la Mercedes di Hamilton che con le gomme medie nel finale volava.

George RUSSELL | 9: Ha sfiorato un’incredibile qualificazione al Q2 al sabato, alla domenica è partito a fionda ed ha lottato con piloti di centro gruppo per la maggior parte della gara. E’ un vero peccato che guidi la Williams.

Carlos SAINZ | 9: Secondo quinto consecutivo che premia la costanza di rendimento dello spagnolo della McLaren.

Kimi RAIKKONEN | 9: Un settimo posto che vale oro, il finlandese porta l’Alfa Romeo oltre il suo reale potenziale.

Lando NORRIS | 8: Assente ingiustificato in Germania, è autore di una qualifica strepitosa. Purtroppo in gara è stato condizionato da un problema al pit stop che lo ha fatto scivolare nono.

Sebastian VETTEL | 7: Ha ottenuto un podio insperato alla vigilia della corsa grazie a una gestione magistrale degli pneumatici soft che gli ha consentito di sopravanzare il compagno di squadra Leclerc nel finale.

Alexander ALBON | 6,5: Un altro piazzamento a punti per il rookie thailandese, una delle rivelazioni di questa prima metà di stagione.

Valtteri BOTTAS | 6: Vanifica una qualifica superlativa facendosi passare nel primo giro prima da Hamilton e poi da Leclerc. Nel contatto con il ferrarista è sfortunato perchè l’ala anteriore si danneggia ed è costretto a fermarsi subito ai box. Sprofonda in ultima posizione rimontando fino all’ottavo posto finale.

Sergio PEREZ | 6: Sfiora la zona punti con una Racing Point che è lontana parente di quella ammirata nelle ultime stagioni.

Charles LECLERC | 6: In qualifica commette un altro errore (definito inaccettabile da lui stesso) che rischia di estrometterlo subito dai giochi. Fortunatamente per lui il danno non era grave, mentre in gara si è vista la differenza di esperienza nella gestione della corsa tra lui e Vettel che gli ha sottratto il podio nel finale.

Romain GROSJEAN | 6: Ottima la qualifica conclusa con un nono posto, la gara, invece, è un calvario con questa monoposto e finisce lontano dalla zona punti.

Nico HULKENBERG | 6: La Renault sta facendo il passo del gambero sia in qualifica sia in gara. Difficile ottenere risultati di rilievo con una monoposto così.

Daniel RICCIARDO | 6: Stesso discorso fatto per il compagno di squadra.

Daniil KVYAT | 5,5: Non incide come nelle ultime due gara, ma va detto che la strategia del team lo ha penalizzato un po’.

Kevin MAGNUSSEN | 5.5: Weekend incolore del danese a causa di una vettura in crisi tecnica.

Robert KUBICA | 5: Surclassato dal compagno di squadra Russell sia in qualifica sia in gara.

Lance STROLL | 4,5: Dopo l’exploit della Germania ritorna nei bassi fondi della classifica. Troppo altalenante nelle prestazioni.

Antonio GIOVINAZZI | 4,5: Guida la stessa monoposto di Raikkonen, ma la differenza di punti tra i due è troppo ampia.

#StartYourEngines | Dennis Ciracì